Jason Dodge. Coreografo di oggetti.

Jason Dodge

La prima sensazione che si prova davanti a un lavoro di Jason Dodge (Newton, Pennsylvania, 1969) è uno spiazzamento che rischia di trasformarsi in delusione o risentimento a causa del suo oltranzismo nell’attenersi a un’estrema economia di mezzi radicalizzando la pratica del ready made fino a mettere a repentaglio la riconoscibilità dell’opera in quanto tale. Continua a leggere

Annunci

It’s ok to change your mind. Arte contemporanea russa dalla Collezione Gazprombank

Senza-titolo-1-copia-1-1024x307

Da sempre in Russia l’arte è considerata un fattore determinante per lo sviluppo intellettuale e spirituale della società e un’articolata rete di strutture statali e fondazioni private hanno costantemente investito nella valorizzazione di un patrimonio artistico la cui visibilità, a causa delle forti tensioni politiche internazionali e di un’atavica attitudine da parte della Federazione Russa a considerarsi un mondo a parte, raramente riesce a superare i confini nazionali. Continua a leggere

Vedovamazzei. Unexpected Landscapes

1

L’irriverente duo artistico Vedovamazzei, nato nel 1991 dall’incontro tra Simeone Crispino (1962) e Stella Scala (1964), coppia di artisti napoletani trasferitisi a Milano, è impossibile da inquadrare in un filone tematico, in una scia formale o in un unico metodo di lavoro. Continua a leggere

Olivo Barbieri. Il paesaggio contemporaneo tra realtà e virtualità

Barbieri, site specific_CHICAGO 10 (076)low

Per la 42esima edizione di Arte Fiera Bologna 11 gallerie sono state invitate a presentare mostre monografiche di artisti meritevoli di uno sguardo più approfondito nella sezione Modernity, segmento della Main Section concepito come percorso d’eccellenza e come valorizzazione del coraggio dei galleristi che hanno aderito alla proposta. Continua a leggere

Fabrizio Corneli. Illuminare l’invisibile

1

Nel mito della caverna Platone racconta di una stirpe di uomini incatenati dalla nascita in un antro oscuro e costretti a vedere solo le ombre della realtà esterna proiettate sulla parete opposta all’uscita alla quale sono costretti a rivolgersi.  Continua a leggere